Dieta sì, ma a deciderla deve essere un professionista. Troppi abusivi nelle palestre - La dieta e il nutrizionista - Dr Nanni Biologo nutrizionista Termoli Albano Laziale Roma Frascati

Dr Nanni
Biologo Nutrizionista
RICEVO NEGLI STUDI DI
Roma • Albano • Termoli
INFO 375.6252834
DrNanni.it
Vai ai contenuti

Dieta sì, ma a deciderla deve essere un professionista. Troppi abusivi nelle palestre

Dr Nanni Biologo nutrizionista Termoli Frascati Roma
Pubblicato da in Generale ·
Tags: dietepalestraabusivismoprofessionenutrizionistadietologodietistapersonaltrainerallenatoriestetisteconsulentinutrizionalifoodcoachfarmacisti
Fareste mai riparare la vostra automobile da un idraulico? O vi fareste mai tagliare i capelli dal giardiniere? Non credo… penso che scegliereste un meccanico di fiducia per la vostra amata automobile e il parrucchiere che vi faccia sentire più belli quando vi guardate allo specchio per la vostra capigliatura. E allora
come mai alcune persone si fanno elaborare diete o piani alimentari da soggetti che non hanno studiato e non sono abilitati a farlo?
Eppure il nostro corpo, la nostra salute vale un po’ più della nostra macchina o dei nostri capelli.

La prima cosa che c’è da dire è che prescrivere diete senza essere abilitati è un reato penale e in Italia gli unici soggetti abilitati a farlo sono il medico (dietologo), il biologo (biologo nutrizionista) e il dietista. Tutti gli altri (allenatori, estetiste, consulenti nutrizionali, personal trainer, food coach o qualsiasi nome fantasioso usino) stanno facendo, oltre che una cosa contro la legge, una cosa per cui non hanno studiato (o hanno fatto risibili e non abilitanti corsi di qualche settimana) e non sono qualificati.
Sottolineo che anche i farmacisti, per quanto molto più qualificati, secondo l’attuale normativa non possono elaborare diete grammate ma dovrebbero limitarsi a generici consigli di educazione alimentare.
Per quanto riguarda l’aspetto legale, non essendo il mio campo, ho chiesto aiuto all’amico avvocato Pasquale Chimisso: «Prescrivere indicazioni alimentari senza avere il titolo di biologo o di dietista integra il reato di “esercizio abusivo di una professione”. Così si è espressa la Corte di Cassazione con la Sentenza n. 20281 del 28 aprile 2018, riferendosi al caso piuttosto frequente del “personal trainer” che prescrive schede o programmi alimentari personalizzati ai clienti di una palestra. I Giudici di Piazza Cavour con tale pronuncia hanno correttamente applicato il disposto dell’articolo 348 del codice penale, il quale espressamente recita: Chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa da centotre euro a cinquecentosedici euro”.La norma in questione mira a tutelare l’interesse generale a che una determinata professione, per la quale sono previste determinate competenze tecniche, sia esercitata dopo aver conseguito una specifica abilitazione amministrativa.
È evidente quindi che dalla responsabilità penale ex art. 348 c.p. di certo non può essere esonerato l’istruttore o il personal trainer il quale, non avendo il titolo di biologo o dietista, “prescrive programmi alimentari, elargendo generici consigli alimentari, svolgendo attività di educazione alimentare”.
La Cassazione ha precisato che vi sono attività che possono essere esercitate indifferentemente da qualsiasi professionista; altre, invece, come l’individuazione dei bisogni alimentari dell’uomo attraverso schemi fissati per il singolo con rigide previsioni e prescrizioni” sono riservate in via esclusiva a categorie professionali per le quali è comunque prevista l’acquisizione di una specifica abilitazione, quali medici, dietisti, biologi».
Ogni tanto qualche conoscente mi dice: “Sai, in quella palestra fanno le diete” oppure “Quell’allenatore dice di mangiare questo o quello per avere dei muscoli come i suoi” e ciò si fa alla luce del sole, come se fosse una cosa normalissima. In un mondo ideale ci sarebbe una stretta collaborazione (e a livelli più alti è così) tra il nutrizionista e l’allenatore che si completerebbero per aumentare la performance dell’atleta in sicurezza ed armonia.
Spesso ci si sente esperti di alimentazione solo per il fatto stesso di avere una bocca e mangiare 3-4 volte al giorno o ci si sente in grado di consigliare integratori alimentari (quando va bene!), bibitoni miracolosi e cosa mangiare solo per il fatto di avere muscoli ipertrofici… e allora giù quantità improbabili di proteine solubili, chili e chili di petto di pollo e bresaola a tutte le ore del giorno e della notte con la sempreverde demonizzazione di pasta, pane e carboidrati tutti.
Sì, poi forse alla fine si dimagrisce, forse i muscoli arrivano più in fretta e con meno sforzo… ma qual è il prezzo?
Quale sia il prezzo da pagare non se lo chiede mai nessuno ma il conto, anche se dopo un po’ di tempo, alla fine arriva. Saranno passati anni e magari il conto da pagare non sarà direttamente associabile a quella dieta o a quell’uso improprio di integratori. Probabilmente non lo sarà dal punto di vista legale ma tutto questo cosa importa? Il conto arriverà e il prezzo da pagare sarà la vostra salute.
So che con questo articolo farò arrabbiare qualcuno ma ad arrabbiarsi saranno persone consapevoli di essere nel torto. I tanti bravi professionisti che mi stanno leggendo sono sicuro che stanno annuendo e mi stanno dando ragione, consapevoli che per raggiungere i massimi livelli e migliorarsi ognuno dovrebbe concentrarsi sul proprio lavoro e ogni professionista può imparare qualcosa dall’altro attraverso la collaborazione.
Sono consapevole che chi frequenta palestre e fa specifici allenamenti da lungo tempo probabilmente può anche sapere più di un nutrizionista (forse?!) che cosa mangiare o quali integratori ingerire per aumentare la massa muscolare o per essere più performanti nel proprio specifico sport ma a questi signori manca tutta l’altra faccia della medaglia: l’effetto di queste sostanze sulla salute nel breve e nel lungo periodo, l’effetto fisio-patologico che alimenti e integratori hanno all’interno del nostro organismo, l’interazione con i farmaci, la personalizzazione dell’approccio dietetico, la differenziazione della dieta nei periodi di preparazione atletica, nei giorni di gara e nei periodi di riposo.
Per fare solo un esempio, vista la gran moda di suggerire grandi quantità di proteine per aumentare la massa muscolare, cito tra i tanti uno studio del famoso professor Valter Longo che ha correlato una dieta ricca di proteine (>20% del fabbisogno giornaliero), specialmente di origine animale, con un aumentato rischio di morte prematura del 74% rispetto a coloro che seguono una dieta povera di proteine animali.
Una dieta scorretta ha lo stesso rischio per la nostra salute di fumare 20 sigarette al giorno!
Un altro aspetto importante è la personalizzazione. Pensiamo spesso di essere unici e irripetibili ed è così anche per quanto riguarda l’alimentazione: un approccio dietetico può andare bene ad un individuo di 40 anni che pesa 80 Kg ed è alto 1,85 m ma potrebbe non essere ideale per un altro individuo sempre di 40 anni che pesa sempre 80 Kg ed è alto sempre 1,85 m. Quando un professionista prende in cura un paziente, le sue indicazioni sono contestualizzate a livello individuale, non solo per motivazioni di salute ma anche per quanto riguarda le abitudini, lo stile di vita e la storia di ogni singola persona.
Per concludere vorrei rivolgermi soprattutto ai genitori che portano i propri figli a praticare attività sportiva: lo sport è importantissimo e salutare ma scegliete strutture con allenatori qualificati che, qualora ce ne fosse bisogno, collaborino con professionisti della nutrizione abilitati secondo la legge.
Se vedete i vostri figli assumere strani integratori, “bibitoni” o quant’altro chiedetene conto e verificate chi glieli ha consigliati e nel caso non sia un professionista abilitato non abbiate timore di denunciare.
Voglio sottolineare che gli integratori alimentari non vanno demonizzati, anzi a volte sono utilissimi ma solo se nelle giuste quantità, in alcuni casi specifici,  per determinati periodi di tempo e soprattutto non sono adatti a chiunque.



Articoli per mese
Nuvole
nausea Roma ipertensione sale farmaci silvio inverno Termoli cardiovascolari cibi dieta verdure dietista indice test pesantezza romani. benessere molise alta centella depurativa formaggi lazio coach diete gonfiore gambe pesanti pressione rossa iridologo mediterranea mangiando abusivismo intolleranza romani colon roma infarto occulto cuore professione food sintomi legumi drnanni malattie frutta sangue frascati campobasso lattosio breath meteorismo massa costo disturbi mangiare estate grasso Lattosio endoscopia tisane vene asiatica cellulite gas nutrizione integratori colorata farmacisti laziale diagnosi ginkgo alimentazione turni Albano sano corporea alimentare trucchi circadiano sport trainer nanni termoli Silvio consulenti detossinante albano latte Montesacro Frascati vasto irritabile nutizionista peso. perdere intestino dissenteria dolori nutrizionali hamamelis naturali colonscopia colesterolo stipsi digestione sana ictus senza castelli lavoro insonnia obesità probiotici abilitazione naturopata Nanni pranzo addominale stanche nutrizionista addominali Molise rusco composizione intolleranze palestra reni imc idratazione diarrea raffinati. detox Vasto bmi rimedi lattasi indicatore aterosclerosi fame fastidio verdura peso consigli ingrassare fegato dimagrire Campomarino personal cibo allenatori estetiste benessere. chetogenica dietologo impedenziometria parmigiano statine bologna ipocalorica vite ortaggi depressione bia depurarsi cena abruzzo autunno tumore carciocircolatorie
PER INFO
  +39 3756252834

SCRIVIMI
Dove ricevo
Termoli (CB)
Corso Mario Milano, 20
Albano Laziale (RM)
Via G. Rossini, 12
Roma
Via Monte Fumaiolo, 40
Terms

Torna ai contenuti