Sindrome dell’intestino irritabile: la dieta e i cibi da evitare - La dieta e il nutrizionista - Dr Nanni Biologo nutrizionista Termoli Albano Laziale Roma Frascati

Dr Nanni
Biologo Nutrizionista
RICEVO NEGLI STUDI DI
Roma • Albano • Termoli
INFO 375.6252834
DrNanni.it
Vai ai contenuti

Sindrome dell’intestino irritabile: la dieta e i cibi da evitare

Dr Nanni Biologo nutrizionista Termoli Frascati Roma
La Sindrome dell’intestino irritabile (IBS), comunemente ma impropriamente definita “colite” o “colon irritabile”, è una condizione molto comune e debilitante che interessa circa il 10% della popolazione, soprattutto di sesso femminile tra i 20 e i 50 anni. È caratterizzata da malessere e/o dolore addominale, associati all’alterazione della funzione intestinaleaccompagnata da gonfiore o distensione addominale.


L’alvo può essere diarroico, stiptico e, talvolta, si può presentare alternanza tra stipsi e diarrea. Altri sintomi tipici sono il meteorismo, borborigmi e nausea.

Circa il 60% dei pazienti lamenta anche debolezza e affaticamento con una conseguente diminuzione della qualità dellLe cause sono molteplici e, nello stesso individuo, non è riconoscibile un singolo fattore scatenante.

Da una parte si possono riportare fattori psico-sociali, come lo stress ambientale, dall’altra fattori biologici quali la predisposizione e la suscettibilità individuale, alterazioni della motilità del tratto digestivo, la percezione soggettiva del dolore, il microbiota, l’utilizzio cronico di farmaci e le infezioni intestinali.


L’andamento della patologia è cronico con alternanza di periodi di quiescienza e periodi di riacutizzazione dei sintomi; tali periodi possono coincidere con eventi stressanti, sia di tipo fisico (interventi chirurgici, infezioni virali) che di tipo psichico (ristrutturazioni, separazioni, lutti).


La diagnosi è clinica ed è sostanzialmente di "esclusione": in altre parole il medico potrà diagnosticare la sindrome dell’intestino irritabile quando saranno presenti i sintomi ma gli esami avranno escluso patologie organiche che li giustifichino.

Tengo molto a sottolineare quest’ultimo passaggio, infatti la sindrome dell’intestino irritabile è spesso autodiagnosticata dal paziente e ciò può portare a pericolose conseguenze, perché sintomi simili possono essere presenti in patologie ben più gravi come, ad esempio, in un tumore del colon-retto. Quindi, sarà bene affidarsi al proprio medico per capire quali esami sia meglio effettuare nella propria situazione.

In ogni caso, anche in assenza di sintomi, è consigliato, come test di screening nella popolazione tra i 50 e i 69 anni, l’esame del sangue occulto nelle feci, eseguito ogni 2 anni e, in caso di positività di quest’ultimo, la colonscopia.

Alcune autorevoli linee guida internazionali consigliano di fare comunque la colonscopia dopo i 50 anni di età.


Tralasciando il trattamento farmacologico che demandiamo al medico di fiducia, l’alimentazione, la fitoterapia, l’idratazione e un’adeguata attività fisica potranno portare notevoli benefici nell’attenuazione della sintomatologia.

Per il dolore, ad esempio, potranno essere utili integratori a base di olio di menta, camomilla, malva e cumino che oltre ad un effetto antispastico limiteranno l’infiammazione della mucosa e il gonfiore addominale.

Inoltre, potrà essere utile un’integrazione di probiotici (fermenti lattici) che potranno migliorare i sintomi grazie anche alle loro proprietà anti-infiammatorie ed inoltre, in associazione con i prebiotici, saranno utili per ridurre la stitichezza nelle forme con prevalente stipsi o nelle forme miste.


Avrà fondamentale importanza una dieta con cibi semplici e preparazioni poco elaborate quali la cottura al vapore, alla piastra, alla griglia, al forno e al cartoccio.

Nella dieta si limiteranno alimenti che fermentando formano gas come legumi secchi interi, frutta e verdure fibrose ricche di fibra indigeribile.

Si dovranno evitare caffè, tè, cacao, bibite gassate, bevande alcooliche, spezie, selvaggina, carni fibrose ricche di tessuto connettivo e alimenti particolarmente grassi.

Sarà utile invece incrementare l’apporto di fibra idrosolubile (frutta, ortaggi, legumi passati), maggiormente indicata a normalizzare la motilità intestinale senza irritare le mucose.

La frutta consentita andrà mangiata preferibilmente lontano dai pasti.

Il cibo ingerito andrà masticato bene e mangiare lentamente porterà un considerevole giovamento.

Sarà indispensabile mantenere una buona idratazione; infatti un corretto equilibrio idrico è importante anche per garantire una consistenza morbida delle feci.

Se il sintomo prevalente è la stipsi sarà necessario aumentare le fibre ingerite con la dieta (almeno 400 grammi al giorno di verdure o frutta), bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno e aumentare l’attività fisica.

Quando il sintomo prevalente è il dolore addominale sarà utile ridurre l’ingestione di sostanze fermentanti tipo legumi, cavoli, cipolle, broccoli, spinaci, prugne, mele, ciliegie, banane, latte, panna, gelati, cibi molto grassi, fritti e cereali integrali.

Il paziente dovrebbe imparare a riconoscere i cibi che scatenano o aggravano la sintomatologia in modo da evitarli o limitarne l’ingestione. In tal senso potrebbe essere utile tenere un diario alimentare in cui si annoterà tutto ciò che viene ingerito e i sintomi conseguenti.

Anche in questa circostanza smettere di fumare può dare notevoli benefici, infatti il fumo va ad irritare ulteriormente le mucose intestinali.

Inoltre, praticare attività fisica almeno tre volte a settimana concorrerà sensibilmente nell’attenuazione della sintomatologia.

Mi preme sottolineare che durante la fase acuta (colica) le raccomandazioni dietetiche cambiano: si raccomanderà una dieta “idrica” volta principalmente a garantire liquidi e sali minerali e di attenersi alle indicazioni del proprio medico curante.



Articoli per mese
Nuvole
dissenteria infarto autunno irritabile ingrassare trucchi peso. disturbi senza abilitazione coach albano corporea molise mangiare vite depurarsi lazio lattasi bologna dietologo campobasso insonnia fame test asiatica drnanni addominale gas nutrizionista pranzo pesanti reni abruzzo gonfiore benessere ipocalorica digestione peso Frascati estetiste nausea stipsi bia tisane silvio food romani. cellulite depressione colon personal diete formaggi alta ginkgo chetogenica sintomi termoli nutrizione vene malattie colonscopia ictus naturali idratazione detox professione Molise aterosclerosi dietista impedenziometria allenatori indicatore rusco consigli Silvio dolori breath iridologo raffinati. composizione verdure benessere. pressione alimentare depurativa cibi circadiano rossa detossinante pesantezza inverno lattosio Lattosio romani sale farmacisti grasso ipertensione naturopata frutta trainer estate statine cibo intolleranza castelli Campomarino consulenti occulto legumi laziale Termoli intolleranze diagnosi colesterolo lavoro fegato latte tumore fastidio cardiovascolari indice abusivismo turni roma alimentazione mediterranea dimagrire obesità parmigiano nutrizionali Roma dieta meteorismo rimedi integratori carciocircolatorie Montesacro cena sano centella colorata frascati probiotici ortaggi addominali farmaci imc intestino Vasto palestra massa nutizionista vasto costo Albano endoscopia sport cuore bmi Nanni gambe hamamelis diarrea verdura stanche mangiando sangue nanni sana perdere
PER INFO
  +39 3756252834

SCRIVIMI
Dove ricevo
Termoli (CB)
Corso Mario Milano, 20
Albano Laziale (RM)
Via G. Rossini, 12
Roma
Via Monte Fumaiolo, 40
Terms

Torna ai contenuti